Gli estremi della notte

La chiesetta del villaggio di Avérole al crepuscolo con la Bessanese sullo sfondo. In cielo, le costellazioni di Toro, Auriga e Perseo e le loro nebulose a emissione.

Canon 6D modificata
Samyang 24 mm f/1.4
ISO 3200, 15 s, f/1.4
Filtro diffusore per il cielo
Panorama di 8 scatti verticali su due righe
Scattata alle ore 18:20 ca. CET del 3-1-2019

A più alta risoluzione qui.

Il cielo buio del cuore della notte è un velluto nero trapuntato di stelle, ma forse io gli preferisco il crepuscolo, quando ancora un tenue bagliore rischiara il paesaggio circostante eppure è già possibile riconoscere le prime costellazioni sopra le vette dei monti.

Venere all’alba sopra Punta di Charbonnel.

Canon 6D
Canon 70-200 mm f/2.8
ISO 3200, 6 s, 100mm, f/3.2
Scattata alle 7:10 CET del 4-1-2019

4 risposte a "Gli estremi della notte"

  1. yaxara 5 gennaio 2019 / 20:24

    Meravigliose come sempre!
    Posso chiedere dall’alto della mia ignoranza cosa sia un filtro diffusore?

    Mi piace

    • Emanuele Balboni 5 gennaio 2019 / 20:51

      Grazie! Il filtro diffusore sfoca leggermente la scena e in passato era usato in fotografia analogica per dare un effetto “morbido” ai ritratti (per questo motivo sono anche detti filtri soft focus). In astrofotografia è utile per mettere in risalto i colori delle stelle, perché diffondenone la luce evita che si saturi il sensore.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.