Cronache del ghiaccio e del fuoco / 3

Puntuale come solo le previsioni nefaste sanno essere è arrivato il brutto tempo.
Il cielo si è mano a mano fatto più carico di nuvole fino a coprirsi del tutto col calar della notte, obbligandoci a cercare la danza dell’aurora tra uno squarcio e l’altro di sereno…

Quel che resta dell’inverno

Sul sentiero non è più lo scricchiolio del ghiaccio a ritmare i miei passi, ma il suono più umido di un paesaggio che, sciolta l’immobilità in cui era obbligato, riprende vita scrosciando…

In val d’Arc

Lo scatto di Charbonnel con Orione e Sirio è quasi un rito annuale. Rispetto all’immagine di due anni fa c’era meno Luna ad illuminare il paesaggio (ma molto più vento a spazzare pendici e cime dei monti). Ho scelto una composizione più verticale per poter includere l’intera costellazione del Toro con l’ammasso delle Pleiadi.

Orione sul Rosa

Orione tramonta dietro il Monte Rosa poco prima dell’alba.

(Un grazie molto particolare a Veronica, che assieme a molte altre cose ha condiviso – e sopportato – la levataccia per questo scatto)

Il riposo del cacciatore

In primavera Orione tramonta presto. In questi giorni è accompagnato da Venere, all’interno della costellazione del Toro. Un altro pianeta – Giove – è ancora alto in cielo, vicino all’ammasso del Presepe, nella costellazione del Cancro.