Diario canario / 5

“Ritorno” non è soltanto percorrer l’andata a ritroso, in un succedersi di controlli, voli, scali e partite a scacchi per ingannare l’attesa. È puntare lo sguardo verso casa, verso il consueto, senza più l’emozione dell’incognita, ma carichi di ricordi…

Diario canario / 4

C’è un particolare non trascurabile che distingue le mie saltuarie peregrinazioni per le valli alpine dalle sessioni notturne del workshop: in queste ultime non sono solo.
Di norma, zaino in spalla, sono io che decido dove andare, fermarmi, fotografare: il percorso è spesso dettato unicamente dalla mia volontà e dal (poco) buon senso; né mi sono mai preoccupato troppo di non disturbare i miei compagni di scarpinate, trattandosi al massimo di un paio di marmotte o qualche uccellino.

Diario canario / 3

Quando non ci sono luci artificiali a illuminare la notte, e la Luna è ancora ben sotto l’orizzonte, si realizza quasi con stupore che non è buio, il cielo. Certo, ci sono le stelle, ma chi potrebbe pensare che la loro luce fioca possa davvero illuminare il paesaggio permettendo di vedere le pietre, i sentieri, gli arbusti circostanti? …