Dormire in ghiacciaia (o quasi)

Esistono millanta modi per sfuggire alla morsa dell’afa in questi ultimi scampoli di agosto, ma non tutti allettanti: passare le giornate tra gli scaffali del supermercato sottocasa solo per godere dell’aria condizionata in modalità “vortice polare” è certamente una soluzione semplice ed efficace, ma alla lunga il paesaggio potrebbe risultare monotono. Ecco perché io ho deciso di allontanarmi dalla città e andare a dormire in ghiacciaia. O quasi.

Luna langarola / 3

Ci sono albe per cui vale la pena d’alzarsi presto e salire su un pendio in mezzo ai vigneti ormai spogli dell’uva per vagare con lo sguardo tra i poggi da cui sorgono torri e merlature, quinte di un palcoscenico che termina ben più lontano, con la prima neve sulle creste dei monti. 

Diario canario / 1.1

Avrei voluto fotografare la Stazione Spaziale Internazionale nel suo passaggio vicino a Mercurio sopra il cielo di La Palma, poco prima dell’alba. Purtroppo le nuvole hanno avuto la meglio, ma il sorgere del Sole è stato uno spettacolo ugualmente.