Gli estremi della notte

Il cielo buio del cuore della notte è un velluto nero trapuntato di stelle, ma forse io gli preferisco il crepuscolo, quando ancora un tenue bagliore rischiara il paesaggio circostante eppure è già possibile riconoscere le prime costellazioni sopra le vette dei monti…

Due scorci di Toscana

Pitigliano, nell’entroterra, è uno dei borghi più belli d’Italia. Arroccato sul tufo, il paese diventa ancor più affascinante quando si illumina la sera, tanto da offuscare in splendore persino il pianeta Venere.

Cime tempestose

Crepuscolo turbolento sull’altipiano della Gardetta: la Luna illumina Venere e Rocca la Meja tra le nubi.

Luna, Venere e Giove

Luna calante, Venere (al centro) e Giove (a destra in alto) nelle luci del crepuscolo mattutino.

Passo Rolle

Venere e le costellazioni del Toro e dell’Auriga sorgono da dietro le Pale di San Martino alle prime luci dell’alba.

Quel che resta dell’inverno

Sul sentiero non è più lo scricchiolio del ghiaccio a ritmare i miei passi, ma il suono più umido di un paesaggio che, sciolta l’immobilità in cui era obbligato, riprende vita scrosciando…