Dormire in ghiacciaia (o quasi)

PelvouxSentiero
Il mont Pelvoux dal sentiero verso il Glacier Blanc.

Esistono millanta modi per sfuggire alla morsa dell’afa in questi ultimi scampoli di agosto, ma non tutti allettanti: passare le giornate tra gli scaffali del supermercato sottocasa solo per godere dell’aria condizionata in modalità “vortice polare” è certamente una soluzione semplice ed efficace, ma alla lunga il paesaggio potrebbe risultare monotono. Ecco perché io ho deciso di allontanarmi dalla città e andare a dormire in ghiacciaia. O quasi. Continua a leggere

Scorci casuali d’Anglona

Castelsardo tramonto
Castelsardo al tramonto.

Canon 6D
Canon 24-105 mm f/4
ISO 100, 4 s, 24mm, f/14
Filtro polarizzatore
Scattata alle ore 20:34 CEST del 13-8-2019

A più alta risoluzione qui.

Le immagini qui presenti non sono da considerarsi testimonianza coerente del paesaggi dell’Anglona: essere in ferie significa anche lasciare la macchina fotografica nello zaino, decidere di non pianificare, scegliere di non scattare a ogni costo; godersi il paesaggio semplicemente con gli occhi. Continua a leggere

Lampi e stelle

Nuvole col Bousson

Le nuvole sono certamente tra i crucci di chi va a caccia di stelle, ma imboccare il sentiero zaino in spalla con il cielo coperto ha anche qualche indubbio vantaggio. Il primo è che difficilmente troverò folla lungo il cammino per il col Bousson, il secondo è che l’ombra e le gocce di pioggia che cadono sparse attorno a me sono un gradito lenitivo alla calura soffocante di questi giorni. Continua a leggere

Un arco sul Colle dell’Agnello

Via Lattea colle dell'Agnello pano
Giove e l’arco della Via Lattea sopra le cime dei monti che sovrastano il Colle dell’Agnello alle ultime luci del crepuscolo.

Con questo secondo panorama termina di fatto la stagione degli archi della Via Lattea. Mano a mano che l’estate avanza, il centro della Via Lattea si fa sempre più alto sull’orizzonte e il triangolo estivo raggiunge lo zenit prima che sia buio, rendendo di fatto impossibile scatti panoramici come quello qui sopra, almeno per l’anno solare 2019. Ma non temete: ci saranno sempre altri soggetti, scorci e panorami interessanti!

Canon 6D modificata
Samyang 24 mm f/1.4
ISO 3200, 15 s, f/2
Panorama di 16 scatti verticali su due righe
Scattata alle ore 23:05 ca. CEST del 5-7-2019

A più alta risoluzione qui.

Via Lattea ai laghi Mouton

Via Lattea ai laghi Mouton
Giove e l’arco della Via Lattea sopra i laghi Mouton (valle Stura) al crepuscolo.

Canon 6D modificata
Samyang 24 mm f/1.4
ISO 3200, 15 s, f/2
Panorama di 14 scatti verticali su due righe
Scattata alle ore 22:50 ca. CEST del 25-6-2019

A più alta risoluzione qui.

Si può cercare di sfuggire all’ondata di calore di questi giorni inerpicandosi sui pendii montuosi, può capitare di sconfiggere l’afa se si sale abbastanza da lasciarsi alle spalle il fondovalle immerso nella foschia opprimente, ma non c’è modo di avere la meglio sulla polvere arrivata dal Sahara con la canicola, che mescolatasi all’umidità diffonde in cielo le luci dei lampioni, facendo dell’orizzonte un unico bagliore giallastro.

inquinamento luminoso sant'anna
La luce del faro che illumina il santuario di Sant’Anna di Vinadio viene diffusa dalla polvere in sospensione nell’atmosfera offuscando Giove e il centro della Via Lattea.

Canon 6D modificata
Samyang XP 14 mm f/2.4
ISO 3200, 10-30 s, f/2.8
Fusione di tre scatti a 10, 20 e 30 s di esposizione
Scattata alle ore 00:35 ca. CEST del 26-6-2019